mercoledì 5 agosto 2020

Nuovi mondi e vecchie politiche

Faccio politica da quando mi ricordo.
Già 9 o 10 anni, nei prati del Parco Ravizza a Milano, quando si giocavano infinite partite a pallone, mi mettevo in mezzo ai litiganti - c'era sempre qualcuno che la voleva risolvere a botte - per tentare un approccio assembleare, democratico e pacifista ai problemi generati da un calcio di rigore o da una punizione. 
Negli anni della giovinezza ho attraversato la Milano da bere, la caduta del muro di Berlino, la prima guerra del golfo, Mani pulite, l'avvento di Berlusconi, la globalizzazione sempre con la convinzione che la Politica fosse una azione necessaria e in qualche modo anche sufficiente all'organizzazione della vita umana sulla Terra (e forse anche nello Spazio). Ho re-incontrato Valeria, per poi non lasciarla più, durante una campagna elettorale. Insieme abbiamo creato La Distesa che è in qualche modo un luogo estremamente intriso di Politica. Ci siamo candidati in varie elezioni, abbiamo frequentato circoli e sezioni, abbiamo discusso e litigato più o meno con tutto l'arco costituzionale dei partiti locali. Non abbiamo mai preso una tessera: io - figuriamoci - sono ancora l'anarchico che ero a diciassette anni, e Vale la comunista eretica espulsa dalla federazione dei giovani comunisti... Insomma un mezzo disastro...
La nostra generazione ha prodotto mostri come Matteo Renzi e Matteo Salvini.
Il che basterebbe a negare ai 40/50enni di oggi il diritto a fare Politica. 
La realtà è che si avvicinano le elezioni regionali nelle Marche - ma non solo - e molto semplicemente monta la totale disperazione sul "che fare?".
Siamo cresciuti con la narrazione del "meno-peggio", del "voto-utile", del "sennò-vince-tizio". Una storia figlia della fine delle ideologie e che ha radicalmente svuotato di contenuti ogni contenitore della ormai presunta sinistra, sia quella di lotta che quella di governo. Qualche volta si è votato, qualche volta no. Qualche volta più convintamente, qualche volta meno. Ma sempre con la certezza di essere minoranza di una minoranza, senza alcuna reale capacità di incisione sulla tela della storia. Piccola o grande che fosse.
Con gli amici dei centri sociali tante volte ci siamo amichevolmente scontrati sulla necessità - o meno - di un confronto istituzionale, di una "politica politicante" e non solo conflittuale, di una qualche forma organizzata di "rappresentanza". 
La sensazione sempre più netta, più cogente, più dolorosa, è che il quadro odierno (che sì! È anche figlio di COVID ma è soprattutto il frutto di una dinamica storica che viene da lontano) sia del tutto mutato. 
Ci troviamo di fronte a mondi totalmente nuovi e sconosciuti e la sensazione è quella di affrontarli, viverli, utilizzando strumenti vecchi e superati. 
Come se navigassimo in Internet oggi ma con la connessione di venti anni fa.
Come se affrontassimo un esercito perfettamente equipaggiato con archi e frecce.
Il dibattito internazionale sui Fondi Europei, il dibattito nazionale (ma anche globale) sull'immigrazione, la reazione internazionale alla Pandemia... Tutto appare ridicolo, fuori luogo, stonato.
Abbiamo istituzioni e regole pensate in un novecento che non esiste più. Che è stato semplicemente spazzato via. A partire dal feticcio "Stato-Nazione".
Ci troviamo a parlare di liste, listini e listarelle per una Regione che non ha ancora minimamente superato i problemi della crisi 2008/2012, che non ha saputo affrontare il terremoto, che ha fatto fallire attività produttive e aeroporti, che ha tagliato la sanità in lungo e in largo salvo poi chiedere fondi per aprire un ospedale COVID da dodici milioni di euro rimasto vuoto, che non ha alcun tipo di visione per il futuro che non sia la Sagra del Prodotto Tipico di 'staminchia.
Sono oramai trent'anni che la politica non è altro che l'affannato tentativo di gestire vecchi centri di potere - di destra e di sinistra - nel tentativo di mantenere un instabile consenso elettorale. Un consenso il cui unico fine è la gestione delle infinite emergenze cui gli amministratori di ogni livello sono tenuti a rispondere. La questione della "casta" si è risolta semplicemente nel tentativo di sostituzione di ceti politici ed il populismo altro non è se non il cavallo di Troia di chi vuole affrontare il tema della globalizzazione attraverso la costruzione di nuovi rifugi indentitari. Ci siamo già passati e non è finita bene.          
Per questo ci sembra assurdo parlare di candidature, alleanze, accordi, dialoghi col territorio, e tutto l'armamentario di una retorica politichese fuori tempo massimo. Ci sono dinamiche là fuori che stanno sgretolando il nostro vecchio mondo e l'unica risposta sensata sarebbe quella di una rinnovata carica utopista. Perché quando la distanza tra istituzioni e mondo reale si fa incolmabile, quello è il momento che precede le rivoluzioni.

1 commento:

Susan Benson ha detto...

Ciao, hai bisogno di un prestito urgente?
Sono Susan Benson. Sono un finanziatore e anche un consulente finanziario.

Hai bisogno di un prestito per avviare un'attività, portare a termine un progetto, acquistare una casa o un'auto, oppure hai bisogno di un prestito per altri motivi personali? se la tua risposta è sì, ti consiglio di contattare la mia azienda. Forniamo tutti i tipi di servizi di prestito sia garantiti che non garantiti. Se stai leggendo questo articolo e sai che hai bisogno di supporto finanziario, puoi semplicemente scriverci via Email: (sunshinefinancialgroupinc@gmail.com) o inviarci un messaggio direttamente su WhatsApp tramite: +447903159998 e ricevere una risposta in un istante.

Siamo una società di servizi finanziari completa e ci impegniamo ad aiutarti a migliorare i tuoi obiettivi finanziari a lungo e breve termine perché la tua stabilità finanziaria è il nostro obiettivo finale.

Caratteristiche e vantaggi;
* Convenienza: puoi richiedere un prestito sempre e ovunque.
* Importo flessibile: decidi tu quanto vuoi prendere in prestito.
* Finanziamento diretto rapido: ricevi il prestito entro 24 ore dall'approvazione.
* Tasso di interesse flessibile del 3%.
* Tassi di approvazione elevati
* Hai la possibilità di selezionare la data di rimborso, settimanale, mensile o annuale per una durata di 1-30 anni.
* Semplice applicazione online.
* Guida e competenza personalizzate.
* Nessun costo nascosto

Molte persone stanno affrontando sfide finanziarie intempestive e trovano così difficile ottenere un prestito dalle loro banche locali o da altri istituti finanziari per alcuni motivi.

Se hai davvero bisogno di una soluzione alle tue finanze, scrivi alla mia azienda e ti aiuteremo con un prestito. Abbiamo aiutato numerose persone e organizzazioni che hanno dovuto affrontare difficoltà finanziarie in tutto il mondo. Quando fai domanda con noi, stai facendo domanda con un'azienda di fiducia che si prende cura delle tue esigenze finanziarie, la nostra massima priorità è la tua stabilità finanziaria e sarai preso cura di te durante l'intero processo.

Per maggiori informazioni sulla nostra offerta di prestito, inviaci la tua richiesta di prestito tramite:
E-mail: sunshinefinancialgroupinc@gmail.com OPPURE;
WhatsApp: +447903159998