martedì 7 agosto 2018

Garage and natural

Prendi dell'uva bianca e raccoglila prematura così da avere un pH basso (così puoi anche non aggiungere solforosa).
Prendi dell'uva rossa e raccoglila presto, poco importa la maturazione del vinacciolo, tanto farai una macerazione carbonica con il grappolo intero, con poca estrazione di tannino.
E poi prendi del mosto in fermentazione e imbottiglialo con ancora qualche grammo di zucchero da svolgere, in modo da fare un bel frizzantino.
Ah, e acquista un'anfora in cocciopesto per farci una bella macerazione lunga di qualche uva bianca, importante sia molto autoctona, molto italiana.
Ecco, ora hai la gamma completa. Vini glou glou, vini "da beva compulsiva", vini da sete, vini che bevi a secchiate, maceratoni da competizione.
Disimpegno e leggerezza!
Di uva ne trovi parecchia in giro, non c'è bisogno che la coltivi. Che impari a potare una vigna. Scegli un qualche anziano che conferisce alla cantina sociale e gli compri al doppio del prezzo di mercato qualche quintale d'uva. In alternativa, se proprio vuoi fare degli investimenti, allora trova un paio di consulenti in biodinamica, ce n'è parecchi oramai in circolazione. In attesa della cantina puoi vinificare in conto terzi da qualcuno bravo, te lo trovo io. L'importante è che fai i vini come voglio io. Il tuo distributore.

Eccolo il vino del distributore. Il "vino da catalogo". Eh sì.
Lo "stile naturale".
Il "gusto naturale".
Ci siamo arrivati alla fine. Quella roba lì, ci siamo capiti. Bianchi iper-acidi, rossi super floreali e leggeri, pet-nat a garganella ed una generale sensazione di omologazione culturale prima ancora che gustativa. Vini che si vendano bene nei posti fighi, dentro a metropoli gentrificate dove tutto ciò che suona "naturale" sembra cosa buona, pulita e giusta.
Ci siamo di nuovo, verrebbe da dire. Come la barrique degli anni novanta, come i surmaturi degli anni duemila.
Vorrei che fosse chiaro che noi con questa deriva non ci vogliamo c'entrare nulla.

15 commenti:

Fabio Rizzari ha detto...

Bravo. Comico o meno che sia autocitarsi, ho scritto varie volte sullo stesso tema, giungendo a conclusioni paragonabili.
Una delle prime volte un po' di tempo fa: nel 2009. http://vino.blogautore.espresso.repubblica.it/2009/08/31/dolce-e-salato/

Unknown ha detto...

Pensavamo la stessa cosa. Complimenti per essere il primo a dirlo ad alta voce! :)

AdrianoAiello ha detto...

Sono colpevole di abuso di "beva compulsiva", terminologia che mi diverte, ma per il resto concordo. E non a caso litigo, anzi litigavo (prima di passare al misantropismo eroico) con il naturalismo d'accatto dell'ultimo lustro, che è diventata un'estetica conformista e bacchettona. Gente che prima di assaggiare il vino ti presenta il dogma delle regole da rispettare.
Adriano

Nic Marsèl ha detto...

Ciao Corrado, mal comune non significa mezzo gaudio, ma non credo che ciò che hai descritto sia molto diverso da altri settori. Vogliamo parlare della musica "alternativa" (dura e pura) italiana (che non c'è più) e di come funzionavano le dinamiche tra artisti, produttori, promoter, distributori e giornalisti? Oppure dei meccanismi che muovono le frange più o meno cool dell'arte contemporanea?
E' brutto dirlo ma c'è chi crea e c'è chi vende cavalcando l'onda. Se soltanto ognuno si limitasse a fare (meglio) il proprio "lavoro" (sempre che di lavoro si tratti).

Louis Panetto ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
tesi ha detto...

Domenico Resmini
Distendiamoci veramente,cominciamo a fare i nomi dei produttori e distributori in malafede.
Salvaguardiamo i modaioli cittadini che pensano di bere un grande vino e invece il vecchio vinello di quarta torchiatura era migliore.

Fabio ha detto...

Tutti i trend e le mode portano con se imitazioni seriali parossistiche, pornografia, caricature della realtà. Il modello, o sarebbe meglio dire gli pseudo concetti che Dottori denuncia, sono il frutto ovvio e prevedibile di queste tendenze. Non c'è nulla da fare, perché a una domanda di mercato corrisponde sempre un'offerta, prima o poi ( e viceversa, naturalmente). È una specie di secondo principio della termodinamica applicato al mercato. L'unica è che gli appassionati imparino a distinguere un vino vero da una caricatura; ma anche questo è utopico, perché chi arriva per ultimo vede novità degna di considerazione laddove l'occhio del bevitore navigato, più allenato a disfarsi dei filtri ideologici, vede solo una caricatura, anche bruttina.

Unknown ha detto...

Ciao Corrado,
condividiamo tutto ciò che hai scritto e diffondiamo questa visione da tempo parlandone con chiunque ci capiti a tiro! Un po' delusi dal fatto che qualche anno fa la ritenevamo una moda passeggera ed invece è ancora in voga.
In un evento ricordiamo con tristezza di aver avuto al nostro fianco una cantina che faceva assaggiare un liquido di tre mesi e un nostro aglianico di 10 anni si è rifiutato di farsi stappare!| Un po' di ironia...
Un abbraccio grande

da Daniela e il gruppo di Cantina Giardino

tesi ha detto...

Il nome del disprezzato liquido?

Unknown ha detto...

Offerta seria: interessata a un prestito a breve e lungo termine tra individui, da 5 a 30 anni, a seconda dell'importo scelto. Con un tasso di interesse del 3%. Disponibile per soddisfare questi clienti fino a 3 giorni.

Informazioni: (ccjc010@gmail.com)

Unknown ha detto...

Ciao Corrado. Sono totalmente d'accordo con quello che scrivi. Ormai mi capita di parlarne sempre più spesso con amici appassionati, enotecari, ecc.
Constato non senza una certa amarezza quanto i vini "glu glu", "da bere a secchiate" e chi più ne ha più ne metta vengano spesso messi sul piedistallo da enotecari taliban dello "0 solforosa, ma va bene volatile oltre il limite di legge che fa acidità e aiuta la beva".
Più in generale, un'intera generazione si sta avvicinando al vino bevendo questi succhi di uva acerba torcibudella (a me mettono un'acidità da star male, altro che salubrità del bere) e credendo che il vino sia quello.
Poco importa che dietro ci sia o meno una vigna, una vita dedicata alla cura e alla coltivazione, i rischi del mestiere, le ansie quotidiane del meteo, le produzioni altalenanti, il tentativo di seguire - a modo proprio s'intende - strade già tracciate nel solco di una tradizione che è identità territoriale.
Tutto questo va a farsi benedire a favore di una facilità di beva che svilisce il vino a semplice bevanda dissetante, a volte aspra, piena di problemi e fattori di scarsa salubrità.
Il mondo del vino forse si è preso troppo sul serio e questo ha allontanato, comprensibilmente, molti dalla sua "sacralità". Ma l'idea che il futuro possa andare in quella direzione, laddove non esistono i terroir, i vignaioli, le tradizioni, è assolutamente da respingere e combattere. Combattere comunicando che la storia è importante, che l'esperienza di secoli non si cancella, che il vino buono deve reggere alla prova del tempo, anzi col tempo migliora e non diventa una spremuta di agrumi.
E soprattutto che il vino si fa con l'uva matura!

Agricola Caprera ha detto...

PS per errore non ho firmato il commento, sono Luca Paolo ;)

Janssen Wihelmus ha detto...


Un'opportunità di finanziamento per quelli che hanno progetti o altri bisogni di finanziamento personali, potete ora ottenere un prestito veloce per risolvere le vostre difficoltà finanziarie senza difetto.È affidabile,sicuro e veloce.Per informazioni inviare la richiesta alla email: villano4219@gmail.com

Miriam Lavoretano ha detto...

..




Buongiorno. il mio nome è Miriam Lavoretano, io ho beneficiato di un prestito di 15.000€ in 40 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni:

cristinaallegri09@hotmail.it

Cordiali saluti



































Buongiorno. il mio nome è Miriam Lavoretano, io ho beneficiato di un prestito di 15.000€ in 40 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni:

cristinaallegri09@hotmail.it

Cordiali saluti
















































Buongiorno. il mio nome è Miriam Lavoretano, io ho beneficiato di un prestito di 15.000€ in 40 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni:

cristinaallegri09@hotmail.it

Cordiali saluti




























































Buongiorno. il mio nome è Miriam Lavoretano, io ho beneficiato di un prestito di 15.000€ in 40 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni:

cristinaallegri09@hotmail.it

Cordiali saluti



































































..

Buongiorno. il mio nome è Miriam Lavoretano, io ho beneficiato di un prestito di 15.000€ in 40 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni:

cristinaallegri09@hotmail.it

Cordiali saluti



































Buongiorno. il mio nome è Miriam Lavoretano, io ho beneficiato di un prestito di 15.000€ in 40 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni:

cristinaallegri09@hotmail.it

Cordiali saluti















































Buongiorno. il mio nome è Miriam Lavoretano, io ho beneficiato di un prestito di 15.000€ in 40 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni:

cristinaallegri09@hotmail.it

Cordiali saluti




























































Buongiorno. il mio nome è Miriam Lavoretano, io ho beneficiato di un prestito di 15.000€ in 40 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni:

cristinaallegri09@hotmail.it

Cordiali saluti








....

Unknown ha detto...

Saluto di stagione cari amici ... Sono felice di condividere con voi interessanti testimonianze di vita vera sulla mia esperienza di relazione personale. Qualche settimana fa ho letto un blog online con commenti postati che ha salvato il mio matrimonio dal divorzio, davvero l'informazione è potente. Avevo buone intenzioni di condividere con voi la mia esperienza personale nella mia relazione matrimoniale. Mio marito ha divorziato da me per gli ultimi 2 anni, si è trasferito per incontrare un'altra donna, ho pianto tutte le sere ogni volta che ricordo che mia figlia mi ha chiesto quando tornerà a casa per cena stasera! lo amo così tanto e abbiamo una bambina di 6 anni. ho contattato così tanti incantesimo l'anno scorso nessuno è stato in grado di riportare mio marito, tutti hanno chiesto un sacco di soldi da me, ho lasciato l'incantesimo d'amore fino alla scorsa settimana, sono andato a trovare il mio amico a casa, ho detto al mio amico tutto quello che mi capita e condivido il mio dolore al cuore con la mia amica Michelle, mi ha anche consigliato di contattare la comunicazione con lo stesso Spell Caster Dr.oduduwa, ho letto su di lui il commento del blog online, che ha un potere magico di Spelling per riportare il marito casa. Mio marito era sotto l'incantesimo malvagio di un'altra donna che dichiarava di frequentare la scuola superiore, ha convinto mio marito a divorziare da me. Mio marito Anders è tornato a casa da me solo ieri piangendo per il dispiacere di divorziare, si è rammaricato e ha detto di non aver ragione. questo è vero, mio ​​marito era sotto l'influenza malvagia di un'altra donna perché sosteneva che mio marito la frequentava prima di sposarsi con me. Dr.Oduduwa mi aiuta a risolvere il mio problema matrimoniale. stasera io e mio marito con nostra figlia ceniamo insieme nella casa delle grandi mamme. Sono molto felice e uso questo mezzo per apprezzare i poteri d'incantesimo d'amore di Oduduwa.
Il dottor Odiduwa mi ha assicurato che può gestire questi problemi come segue;
- Incantesimo d'amore per riportare l'ex marito / riportare l'ex moglie
- Honey Spell to Stop Cheating and Lying in una relazione
- Potere magico Spelling per tornare perso Fiducia nella tua relazione - Poteri di preghiera degli incantesimi per dare alla luce il tuo bambino, interrompi Divorce / Seperation Spell. - bastoncini di candele rosse che compitano le preghiere per farsi rimborsare i soldi persi. - Incantesimo di incantesimo di buona fortuna per attirare l'amore e la fiducia nella relazione e anche preghiere di ortografia di successo di affari finanziari. Incantesimo d'amore per attirare attenzione e rispetto, sin da quando sono entrato in comunicazione con Dr. Odiduwa sembra essere come un padre per me. apprezzo i suoi consigli e le parole di saggezza che mi hanno visto durante la mia dura esperienza matrimoniale. Sinceramente raccomando Dr.Oduduwa Love spell caster per tutti coloro che hanno problemi di relazione matrimoniale simili, basta inviare un messaggio per comunicare con Dr.Oduduwa per una soluzione rapida e urgente per riportare la relazione d'amore perduta: (dr.oduduwaspellcaster@gmail.com )